about me

Daniele Zappi, nasce nel 1975, natura e arte sono da sempre le sue passioni. Laureato in Scienze Naturali, ha lavorato 11 anni al Settore Ambiente del Comune di Bologna e dal 2017 all'ufficio Ambiente del Comune di Copparo, provincia di Ferrara.

Fin da bambino coltiva la passione per la fotografa. Sempre alla ricerca di nuovi punti di vista, impara la tecnica fotografica dapprima da autodidatta, leggendo manuali tecnici, assistendo fotografi e soprattutto scattando e imparando dai suoi stessi errori.

Frequenta svariati corsi di fotografa, assiste fotografi, partecipa a diversi concorsi fotografici, ottenendo significativi consensi per poi essere chiamato anche come membro della giuria di concorsi fotografici locali.

Dal 2010 insegna fotografia al corso intermedio “Tecnica e Stile Fotografico”, al Laboratorio di Reportage fotografico e di Street Photography presso l'associazione di promozione sociale Feedback di Ferrara. 

Dal 2014 è nel direttivo dell'Associazione culturale Officina Dinamica che si occupa di promuovere la cultura della sostenibilità ambientale.

La fotografia di documentazione e la fotografia  artistica e concettuale sono attualmente le correnti che più lo stimolano.

Nel 2012 segue un corso di fotografia di reportage con Silvia Morara allo Spazio Labò di Bologna. Nel 2016  un workshop approfondito sulla fotografia contemporanea tenuto da Mustafa Sabbagh alla Fondazione Fotografia di Modena. Nel 2017 un seminario di fotografia di paesaggio condotto da Guido Guidi al MAAD di Adria.

Oggi continua la sua personale ricerca sul linguaggio fotografico, dedicandosi alla fotografia principalmente come mezzo per comunicare e documentare le emergenze ambientali.

Dal 2017 inaugura un nuovissimo laboratorio di Fotografia  contemporanea sempre con l'Associazione Feedback.

Nel 2018 instaura una collaborazione artistica con Andrea Amaducci, performer ed artista visivo ferrarese, che sfocia nella creazione di opere in live painting per la mostra Analogica Cinetica su Francesca Pennini - CollettivO CineticO, inaugurata il 27 Aprile 2018 a Stellata di Bondeno.

Dal 2018 collabora anche con il Centro Studi Dante Bighi per la promozione della cultura contemporanea a Copparo.

Principali mostre fotografiche:

  • 2019, "Gli alberi di ferro della nostra libertà" (opera singola concettuale) nell'ambito della mostra di artisti contemporanei "la storia genera arte" sul tema dell'albero della libertà, presso la Rocca di Cento;
  • 2019, "#kyltyourself" (ritratti e fotografie di scena) - mostra "ANALOGICA CINETICA" su Francesca Pennini e CollettivO CineticO con foto di scena a colori e ritratti estemporanei su polaroid uniti da manipolazioni artistiche di Andrea Amaducci -  Bologna Art City White Night, spazio Work in progress di BAM! Strategie Culturali;
  • 2018, "+CO2" revisited, (concettuale – sul riscaldamento globale) presso entro Studi Dante Bighi, centro per la promozione della cultura contemporanea a Copparo, nell'ambito di una tre giorni dedicata alla promozione del territori all'interno del Settembre Copparese 2018.
  • 2018, “BENVENUTO 2018” (ritratti) ritratti dei centenari di Copparo nell’ambito della mostra collettiva d’arte contemporanea "La Vittoria 1918-2018" nell’ambito del centenario della Prima Guerra Mondiale - Galleria Alda Civica Costa di Copparo nell’ottobre e a novembre alla Canonica di Settepolesini di Bondeno;
  • 2018, "è questo che vogliamo" (concettuale – sul cambiamenti climatici), Palazzo Bellini, Comacchio;
  • 2018, "ANALOGICA CINETICA" (reportage e ritratti con opere artistiche), fotografica analogica in bianco su Francesca Pennini, performer, danzatrice, coreografa e direttrice CollettivO CineticO con creazione di opere in live painting sulle stampe baritate ad opera di Andrea Amaducci, performer e artista visivo, il 27 marzo, Museo Archeologico G. Ferraresi di Stellata Ferrara, riproposta poi al Teatro Concordia di Portomaggiore in agosto e al Ridotto del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara, dal 5 al 14 Novembre 2018;
  • 2016, "+CO2" (concettuale – sul riscaldamento globale) presentata come evento collaterale al Festival Internazionale di Ferrara nell’ambito del convegno “Energia: ieri, oggi e domani” ed esposta nel mese di ottobre al cortile di Palazzo Bonaccossi, sede dei Musei Civici di Arte Antica di Ferrara - il progetto +CO2 è stato selezionato insieme ad una serie di opere di diverso genere, nell'ambito del concorso internazionale di comunicazione e creatività "Cambiamenti climatici - the grand challenge”, premiato il 1° dicembre a Venezia all'Università Ca Foscari. Successivamente è stata esposta nell'ambito del circuito Off di Fotografia europea nel 2017 presso la Boutique Oscar a Reggio Emilia;
  • 2016, “l’Orlando Furioso” (fotografia analogica), collettiva su Orlando Furioso presso Casa d'arte Il Vicolo a Bondeno;
  • 2015, “Nel segno di Matilde” (fotografia analogica), collettiva su Matilde di Canossa presso Casa d'arte Il Vicolo a Bondeno;
  • 2014, “E questo che vogliamo” (concettuale – sul cambiamenti climatici), presentata come evento collaterale al Festival Internazionale di Ferrara e successivamente selezionata tra i 15 progetti fotografici su oltre 300 esposti e accreditati all'Off di Fotografia Europea nel 2015;
  • 2013, “Made in Eataly” (food) Alberghiera di Ferrara;
  • 2013, "Sogni in punta di piedi" (concettuale - sul degrado ambientale) alle Grotte del Boldini di Ferrara;
  • 2010, “Il blu del Giglio” (paesaggistica) alla rocca del Giglio;
  • 2009, “Tracce di uomo” (street photography), presso antica enoteca al Brindisi di Ferrara.